19 gennaio 2007

Achille Castiglioni

(foto da www.moma.org)

Achille Castiglioni (Milano,1918- Milano, 2002) architetto e designer, si dedica fin dal 1940 alla sperimentazione sul prodotto industriale insieme ai fratelli Livio e Pier Giacomo. I loro interessi si rivolgono all’Urbanistica, all’Architettura e al Design, svolgono un’attività di ricerca sulle forme, le tecniche e i materiali nuovi, tendente alla realizzazione di un processo di progettazione integrale. E' tra i fondatori dell’ADI (Associazione per il Disegno industriale) ed ha avuto numerosi riconoscimenti: nove Compassi d’Oro, Gran Premio della Triennale di Milano, Membro d’Onore del “Comitee of Advisors” all' Art Center College of Design di Pasadena in California e di Montreaux in Svizzera, Membro d’Onore del Faculty of Royal Designers for Industry della Royal Society of Art di Londra, Laurea Honoris Causa dal Royal College of Art di Londra, Premio “The Chartered Society of Designer” di Londra, Premio “Primavera del Design” dal Dipartimento di Cultura di Catalunya, Premio “Art sur Table” dal Conseil National des Arts Culinaires di Parigi, Premio “IF Design Wettbewerb” dal Industrie Forum Design di Hannover, Premio “Longevity-Lanlebigkeit” dal Design Center di Stoccarda, “Premio Domus/INARCH 1998” alla carriera da INARCH, Premio “Targa d’Oro Unione Italiana per il Disegno” dalla Facoltà di Architettura di Genova, Laurea Honoris Causa in Disegno Industriale dal Politecnico di Milano.Tra il 1984 e il 1986 viene allestita una sua mostra personale organizzata dal Museum fur Angewandte Kunst di Vienna, poi ospitata nei maggiori musei europei (Berlino, Milano, Zurigo, l’Aia, Madrid e Parigi). Nel 1995 viene organizzata una mostra personale “A la Castiglioni” a Barcellona, che diventa itinerante in tutto il mondo ( a Milano, a Bergamo, al Vitra Museum di Weil am Rhein , al MoMA di New York, a Tokyo, a Niitsu, a Breda). Il nome di Castiglioni è associato a un vastissimo numero di oggetti: apparecchi illuminanti (per Flos); radio, apparecchi stereofonici (per Brionvega); arredi (per Cassina, De Padova, Driade, Moroso, Poltrona Frau, Zanotta); oggettistica per la tavola (Alessi, Danese).

Castiglioni ha anche svolto un’intensa attività professionale nel campo degli allestimenti e viene ricordato per gli spettacolari allestimenti realizzati in tutto il mondo.

(Informazione tratta dal sito della Triennale di Milano)

1 commento:

Gayhetera ha detto...

Bueno... ¡Pero si me voy tropezando con esa lámpara allá por donde voy! Cierto que "La moda siempre pasa de moda", pero es todo un boomerang.